lunedì 14 dicembre 2009

Nient'altro da aggiungere

"C’è poco da dire su Massimo Tartaglia, un povero disgraziato e malato le cui giornate da domani in poi saranno ben peggiori di quelle che ha vissuto finora. Ci sarebbe molto da dire invece su quelli che davanti all’aggressione violenta a un politico provano soddisfazione e compiacimento, e magari si spingono a trasformare quella soddisfazione e quel compiacimento in un gruppo su Facebook di cui mandare allegri gli inviti in giro. O di quelli che non riescono che a rimbrottare severamente che «questo è controproducente», o di quelli che anche questa volta non riusciranno a trattenersi dal produrre le teorie del complotto più ridicole. Ci sarebbe qualcosa da dire anche sul personaggio più squallido che la cosiddetta sinistra italiana abbia mai annoverato tra i suoi esponenti, quell’Antonio Di Pietro secondo cui Berlusconi se l’è cercata, perché «con il suo menefreghismo e i suoi comportamenti istiga alla violenza», per di più dall’alto della gigantesca responsabilità che comporta l’essere il capo di un partito – per proseguire poi con quelli che neanche dopo questa tragica e incredibile uscita decideranno di consegnare la loro stima e la loro fiducia a persone più degne, o a nessun altro. Ci sarebbe molto da dire su di voi. Potremmo cominciare col fatto che siete, più di qualsiasi altra legge e leggina che sia passata in Parlamento, la minaccia più concreta alla salute della democrazia di questo paese. Che siete, più di qualsiasi Mastella e di qualsiasi Latorre, un gigantesco problema della sinistra italiana. Io non ho l’aspirazione né tantomeno la necessità di sostenere uno schieramento o una coalizione in cui tutti la pensino come me su tutto. Sono disponibile a confrontarmi, discutere e litigare su centinaia di cose, comprese quelle su cui ho meno dubbi e che mi stanno più a cuore. Ma davvero non ho nulla da spartire con voi che esultate, con voi che nicchiate, con voi che non riuscite a dire semplicemente che in una democrazia l’aggressione violenta a un politico è una schifezza triste, aberrante e fascista."

Francesco Costa, dal suo blog.


- Posted using BlogPress from my iPhone

12 commenti:

  1. La colpa di tutto ciò è del Creatore in quanto essendo onniscente sapeva che dalla coppia Adamo/Eva si sarebbe arrivati ai vari Tartaglia,ai vari Hitler, Stalin, Mussolini, Fidel Castro, pertanto amici, non criticate l'ortica, lei è nata così, non criticate Santoro, i vari Travaglio, NO E' LUI, il Creatore il vero responsabile: Morale facciamo gli auguri a Silvio e facciamo come quando la nave affonda, tutti pensino a se.
    Un povero mortale come voi

    RispondiElimina
  2. Toh, un troll da vicino. Mai visto.

    RispondiElimina
  3. .Daniele...defeca altrove please!

    RispondiElimina
  4. Per carità, che qui poi tocca pulire a me.

    RispondiElimina
  5. come ha detto Vergassola...domenica volavano Madonne!

    RispondiElimina
  6. Questa poi..documenta ancora una volta e sempre di più il tipico atteggiamento dell'italiano..che evidentemente si merita davvero il governo di merda che porco *** abbiamo..la statuetta identica a quella famosa in questione che ha fraccato il Silvio l'hanno passata da 7 € a 12 €...cioè alzata del 40%..magari gli aggiungono una chicca..riproducendo il sangue di Berlusconi..cazzo..e la roba triste è che la gente che la compra ci sarà..e eccome sarà poi soddisfatta dell'acquisto!..ma andate a fare in culo..io spero che presto ci sia un "V" anche per noi..con o senza maschera!

    RispondiElimina
  7. Risposta x gigio

    "NON GETTATE PERLE AI PORCI"

    RispondiElimina
  8. Ma no, infatti. Duomi ai premier.

    RispondiElimina
  9. oh troll..tu sei come quelli che ascoltano lo Zoo di 105 solo x sdrumare la minchia e criticare e insultare..Se questo blog non ti aggrada nei contenuti e/o negli ideali segui altro..no?

    RispondiElimina
  10. Il mio più grave dubbio è che sia stata una mossa organizzata dallo stesso Silvio (magari con conseguenze minori) per avere ancor di più una risonanza mondiale sulla sua persona

    RispondiElimina
  11. No, Giangi, niente complottismo da bar, per favore.. Ti rispondo nel prossimo post, con più calma, appena trovo un secondo.

    RispondiElimina
  12. Ed effettivamente da assiduo frequentatore di "feisbuk" do conferma che abbondano i gruppi si sostegno a Tartaglia..i gruppi di diventa fan di Tartaglia..e questo mi fa immensamente piacere..perchè ora ho il permesso non scritto..ho l'autorizzazione morale per farlo..d'ora in avanti se qualcuno mi sta sul culo..gli tiro in testa una sbrisolona di 3 anni fa.Siete tutti avvertiti..

    RispondiElimina